Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente.

C.R.I Comitato Milano Est - Peschiera Borromeo

Sul territorio al tuo fianco



Ricevi HTML?

News di Croce Rossa Italiana

  • Giorno del Ricordo. Rocca: Il dramma di Foibe ed esodo ci toccò da vicino
    “Il dolore, lo strappo, lo straniamento perpetuo di un esilio forzato. Nessuno ha mai saputo raccontarli come il Sommo Poeta, di cui quest’anno festeggiamo il Settecentenario dalla morte. Trauma e sofferenza per le radici strappate accomunano l’Alighieri agli italiani di Fiume, Venezia-Giulia e Dalmazia che, ormai quasi 80 anni fa, furono costretti a lasciare tutto e fuggire dalla violenza del regime comunista del Maresciallo Tito. Si tratta di una delle pagine strappate più dolorose della storia del XX secolo, nella quale si intreccia l’importante lavoro della Croce Rossa in favore degli esuli.
  • 9 Febbraio 1908 - 9 Febbraio 2021: Nascita del Corpo delle Infermiere Volontarie della Croce Rossa Italiana
    Il 9 febbraio 1908 prese avvio ufficialmente la Scuola delle Infermiere Volontarie della Croce Rossa Italiana (scuola-ospedale), ospitata a Roma presso l’Ospedale Militare del Celio (2 ° Padiglione - Villa Fonseca.). L’inaugurazione solenne fu onorata dalla presenza di S.M. la Regina Elena, che aveva accordato il suo Alto Patronato e vide la partecipazione di S.E. il Ministro della Guerra Severino Casana.
  • La Croce Rossa di Cuneo tira le somme del 2020, l’anno del Covid. Migliaia le persone aiutate da oltre 82mila ore di attività
    292.000 chilometri per 82.250 ore di volontariato, un numero enorme quello della Croce Rossa Italiana - Comitato di Cuneo. Sono le ore spese dai 358 volontari e 10 dipendenti impegnati nel 2020 a favore della popolazione cuneese – e non solo: la CRI di Cuneo è infatti stata impegnata anche in Lombardia durante il periodo più critico dell’emergenza Covid-19 portando soccorso a 29 persone.

Ciclosoccorso

Ciclosoccorso

 

La C.R.I. in Bici è un servizio innovativo che, nato in via sperimentale nel 2009, oggi si consolida nel panorama delle attività dell'Associazione. La C.R.I. in Bici prevede la presenza di operatori della Croce Rossa Italiana su biciclette mountain bike attrezzate per il primo soccorso durante il periodo estivo.

Le squadre prestano il primo soccorso ai cittadini e ai turisti colti da malore: gli operatori C.R.I. sono infatti impiegati in aree e periodi con maggiore afflusso di cittadini e turisti con l'obiettivo di dare loro assistenza in caso di necessità. Lo scopo delle squadre è quello di stabilire un contatto diretto qualificato con l'infortunato e, dove serve, allertare gli altri organi competenti per la buona riuscita del soccorso, così da avere un triage più accurato e di conseguenza collaborare alla eventuale urgenza dei soccorsi. 

La CRI in bici è un servizio di soccorso sanitario in bicicletta destinato principalmente ai seguenti impieghi:

  • Aree urbane pedonali in occasione di eventi ad alta densità commerciale e/o elevata concentrazione di persone
  • Parchi ed aree verdi
  • Assistenza alle manifestazioni sportive (tipicamente corse podistiche) nella nostra  ed in altre città
  • Feste patronali e sagre.

In queste particolari condizioni ambientali, l'intervento di un mezzo di soccorso come l'ambulanza non è agevole e quindi non può essere sempre tempestivo. La bicicletta grazie alle sue ridotte dimensioni e alla sua maneggevolezza riesce ad arrivare molto più velocemente dove ve ne sia bisogno.

Per ricevere maggiori informazioni contattaci all'indirizzo mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.